REMIAMO INSIEME NEL MARE

DELLA SOLIDARIETA'

CHI SIAMO

L’associazione di volontariato il Sale della Terra ODV è nata nel 2003 dal desiderio di alcuni amici ansiosi di impegnarsi concretamente a favore di persone più bisognose.

 

L’associazione Sale della Terra ODV ha voluto proporsi fin da subito obiettivi concreti, per restare vicino a realtà drammaticamente note a livello internazionale. Realtà troppo spesso trascurate, forse perché situazioni troppo vaste e complesse per essere affrontate e risolte.

 

Il contributo dell'associazione si esprime attraverso azioni di sostegno a progetti locali, distribuiti nella Repubblica Democratica del Congo ed in Thailandia.

Si tratta in sintesi di progetti che si interessano di:

  • Scolarizzazione e formazione dei giovani attraverso borse di studio, sia per uomini che donne, affinché possano trovare integrazione e lavoro, senza essere coinvolti nelle milizie armate

  • Sostegno nutrizionale neonatale, affinché i bambini possano risolvere parte delle patologie dovute alla malnutrizione infantile

  • Cura dei malati e sostegno maternità nei villaggi non assistiti da personale medico permanente

  • Sostegno dei progetti di sviluppo agricolo, per arrivare ad una autosufficienza alimentare per la popolazione

  • Sostegno per la corretta e libera trasmissione di notizie

 

L’associazione di volontariato il Sale della Terra ODV è iscritta al Registro Regionale del Volontariato della Toscana con Atto Dirigenziale n.1377 del 20/04/2004

DIVENTA SOCIO

L'entusiasmo del volontariato viene dal lavoro di squadra per gli stessi obbiettivi, come una grande famiglia.

Partecipare attivamente alle attività dell'associazione Sale della Terra ODV, è una ragione in più per stare insieme e contribuire ad uno scopo comune, finanziando i nostri progetti.

Se vuoi far parte di questa grande famiglia, compila il form nella sezione Contatti.

assemblea 1.jpg
 
 

DONAZIONI

L'entusiasmo del volontariato viene dal lavoro di squadra per gli stessi obiettivi, come una grande famiglia.


E come in tutte le famiglie, in questi anni alcune coppie di volontari hanno scelto di condividere la gioia della loro unione con il Sale della Terra ODV.

Partecipare attivamente a questi eventi, i matrimoni in particolare, è una ragione in più per stare insieme e contribuire ad uno scopo comune devolvendo in beneficenza verso i progetti che l'Associazione sostiene.

Gli amici del Sale della Terra ODV contribuiscono a finanziare i progetti anche:

  • Donando il tuo 5x1000 in dichiarazione dei redditi, indicando il nostro CF 94102810481

  • Facendo una donazione tramite bonifico bancario all'IBAN IT92T0501802800000011102845

5xmille.jpg
 

2003

Anno fondazione

10

Paesi nel mondo

9

Progetti attivi
 

PROGETTI

Dalla fondazione dell'Associazione Sale della Terra ODV, la parte Est della Repubblica Democratica del Congo (R.D.C.) è il fulcro dei progetti. Si tratta della regione compresa tra nord e sud del Kivu, la più penalizzata dalle troppe guerre che impediscono alla popolazione locale di svilupparsi in modo equilibrato.

I progetti monitorati con costanza e promossi dal Sale della Terra ODV, si orientano o verso la formazione giovanile, o verso un miglioramento dello sviluppo locale autonomo.

Il Sale della Terra ODV intende trasmettere le informazioni su principali progetti portati avanti in questi anni di attività, per dare un'idea di quanto sia stato realizzato e quanto possa essere ancora fatto, raccontando le esperienze messe a frutto in realtà molto diverse fra loro.

mappa.jpg

NEWS: COVID-19

In merito alla situazione sanitaria dovuta alla pandemia COVID-19, stiamo ricevendo quotidianamente notizie dai nostri progetti.

Progetti Repubblica Democratica del Congo

"La pandemia del corona virus che colpisce l’umanità oggi, non ha risparmiato la Repubblica Democratica del Congo. Il primo caso positivo è stato diagnosticato il 10 marzo a Kinshasa, capitale del Congo (città con circa 15 milioni di abitanti). La diffusione del virus non è esponenziale come in altre parti del mondo. Dal primo caso fino ad oggi, i contagi sono 241 con 20 decessi e 20 guarigioni. La capitale Kinshasa è ritenuta come focolaio con 229 casi positivi. Il resto si trova in 4 altre province: Kwilu 1, Ituri 2, Sud-Kivu 4 e Nord-Kivu 5. Quindi solo 5 delle 26 regioni che conta il Congo, sono colpite dalla pandemia. I primi casi sono stati importati dai congolesi che partivano dall’Europa per il Congo e dagli stranieri che lavorano in qualche organismo internazionale in Congo.

La regione del Nord-Kivu dov’è concentrata la nostra missione conta 5 casi: 3 casi a Goma, capoluogo della regione, distante circa 300 km da Butembo e 2 casi a Beni distante circa 50 km da Butembo. Nessun cantagio è notificato a Butembo (città con circa un milione di abitanti). Dall’apparizione dei primi contagi, le misure di restrizione sono state emesse dal governo centrale: chiusura delle frontiere, delle scuole, sospensione delle celebrazioni liturgiche, limitazione dei raduni che superano 20 persone. Il traffico tra le città è stato limitato. Queste misure sono importanti perché meglio prevenire che guarire. Vista la precarietà della politica sanitaria in Congo, la larga diffusione del virus creerebbe una ecatombe. Non dobbiamo dimenticare anche che la regione del Nord-Kivu stava uscendo da un’altra epidemia tremenda dell’ebola. Purtroppo, due giorni prima del giorno in cui è stata dichiarata la fine dell’epidemia di ebola, un nuovo caso positivo di ebola è stato diagnosticato a Beni. Quindi, il territorio di Beni che da molto tempo fa fronte alla guerra, dovrà anche fare fronte ai due virus: corona e ebola."

Progetto Thailandia

"Qui le cose cominciano a muoversi soltanto ora, spero tanto che non ci sia l'incremento esponenziale come in Italia, perchè qui le persone morirebbero come mosche, essendo i letti attrezzati in numero molto minore. Noi cerchiamo di fare attenzione e ci muoviamo molto meno"

Dopo la terrificante notizia dell'uccisione dell'ambasciatore italiano nella RDC, della sua guardia del corpo e dell'autista, ci stanno giungendo notizie di ulteriori crimini perpetuati contro la popolazione civile. Il grosso impatto mediatico di tale uccisione ha sollevato a livello internazionale la questione nella RDC che ormai dura da oltre 20 anni e che ha causato la morte di oltre 6 milioni di vite umane.

 

In questi giorni di marzo 2021, alcuni articoli sono usciti su diverse testate giornalistiche e dialoghi si stanno avendo tra le diverse associazioni di volontariato che operano nella region. Riportiamo alcuni link

https://www.corriere.it/sette/opinioni/21_marzo_12/guerra-congo-coltan-cobalto-liquirizia-amarissima-che-sa-sangue-7c6edae2-81cf-11eb-870f-597090faeea5.shtml

http://www.ong.it/congo-rompere-il-silenzio-rilanciare-la-pace/

https://www.nigrizia.it/notizia/rd-congo-se-il-mandante-fosse-a-kigali

https://www.toscanaoggi.it/Mondo/Congo-da-decenni-il-nord-Kivu-e-terra-di-conquista-di-minerali-e-terre

 

CONTATTI

Informazioni

Per qualsiasi richiesta d'informazioni, contattaci all'indirizzo email info@saledellaterra.it altrimenti compila il modulo sottostante.

Il tuo modulo è stato inviato!

Sede

Borgo Pinti 58

50121, Firenze (ITALIA)

 

Tel: 055 88 19 453

  • Facebook Icona sociale
 
IMG-20210314-WA0001.jpg